HomeIntolleranza al latte Finto risotto alla milanese

Finto risotto alla milanese

Posted in : Intolleranza al latte, primi piatti on by : Susiti Tag:, , , , , ,

Finto risotto alla milanese perché quello vero è preparato con ossobuco e brodo di carne, io l’ho preparato con sei mele,che le ho soffritte. Questo risotto lo possono mangiare tutti perché non contiene burro

Finto risotto alla milanese

Finto risotto alla milanese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Finto risotto alla milanese

INGREDIENTI

6 mele

1 bicchiere di riso ( per 3 persone)

acqua bollente

olio (quanto basta)

una fetta di petto di pollo (facoltativo)

zafferano

Cottura riso 20 minuti

PREPARAZIONE:

Mettere una pentola di acqua a bollire

Sbucciare le mele, tagliarle a quadratini, soffriggerle in olio extra-vergine di oliva insieme al riso mescolando continuamente per dieci minuti.

Dopo dieci minuti aggiungere l’acqua e continuare a mescolare.

Mescolare in continuazione perché altrimenti il riso si attacca. Tenere da parte dell’acqua bollente, se il riso si asciuga troppo, e non è ancora cotto, versare nel risotto, continuando a mescolare.

Quando è quasi cotto, in un bicchiere mettere una bustina di zafferano, e scioglierlo in un dito di acqua e aggiungerlo al risotto, cosi non si rovinano le sue proprietà.

Mantecare con parmigiano.

Proprietà nutritive.

Lo zafferano bisogna usarne in pochissima quantità, 12-20 g di zafferano possono essere addirittura letali.

Normalmente la dose giusta è quella che si trova già nei supermercati. Si deve tenere in ambiente chiuso ed ermetico, si conserva da due a quattro anni.

Si usa spesso nella cucina orientale per la preparazione di dolci, salati e anche gelati. Però le preparazioni più famose sono quelle della Paella Valenciana e del risotto alla milanese.

Io una bustina di zafferano la uso anche per dare gusto alla pasta in bianco, e non è neanche male la pasta bianca con lo zafferano.

Da dove proviene? l’80% dall’Iran, ma nel nostro Paese è diffusa anche in Sardegna, Toscana, Abruzzo, Marche e Umbria. con trecento aziende che sono coinvolte nella produzione della spezia.

E’ la spezia più preziosa e un grammo può arrivare a costare circa 30 euro.

Seguimi:

 

https://plus.google.com/u/0/+AnnaritaSardo

Lascia un commento